Omicidio Daita, 13 anni a D'Onofrio

La Corte d'assise di Chieti, presidente Geremia Spiniello, a latere Isabella Maria Allieri, ha condannato a 13 anni di reclusione Emanuele D'Onofrio, 24 anni, operaio di Chieti per la morte di Simone Daita: a D'Onofrio, che è accusato di omicidio preterintenzionale, la Corte ha riconosciuto l'attenuante della provocazione. Il giovane è stato inoltre e condannato a risarcire in separato giudizio le parti civili ed è stato interdetto in perpetuo dai pubblici uffici. Il pubblico ministero Giuseppe Falasca aveva chiesto la condanna a 8 anni e 6 mesi: il difensore di fiducia di D'Onofrio, l'avvocato Roberto Di Loreto, ha annunciato ricorso in appello. D'Onofrio, che anche oggi ha seguito l'intera udienza, aveva rilasciato una breve dichiarazione spontanea: ''Non mi ritengo colpevole - ha detto - non volevo fargli male, non lo avrei neanche voluto colpire, la mia è stata una reazione istintiva e spontanea nel momento in cui mi sono sentito in pericolo''.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Il Pescara
  2. AbruzzoWeb
  3. Corriere Peligno.it
  4. Corriere Peligno.it
  5. PescaraNews

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Roccacasale

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...